La Riviera dei Ciclopi in Sicilia

Pin It
A nord della città la costa è stata letteralmente disegnata dall’Etna, che con le sue colate laviche ha creato nei secoli rocce dalle forme contorte e ripide scogliere a guardia di insenature dalle acque limpide. Quella che si stende fra Aci Castello e Acireale è la Riviera dei Ciclopi, nume suggestivo a cui sono legati alcuni dei miti omerici più famosi, come quello che attribuisce la nascita degli 8 spettacolari Scogli dei Ciclopi a Polifemo che, accecato, staccò queste rocce dall’Etna e le scagliò contro Ulisse e i suoi compagni in fuga dai Ciclopi.

Alloggiare nella Riviera dei Ciclopi è abbastanza caro durante l’alta stagione, ma in primavera o autunno, oltre a essere più vivibile, si risparmia un po’. È comodamente raggiungibile da Catania con autobus locali o con quelli che fanno la spola fra Catania e Messina; ad Acireale c’è anche la stazione ferroviaria ma è un po’ decentrata.

Aci Castello prende il nome dal Castello normanno costruito nel 1076 sulla roccia lavica che si protende sul mare dà il nome al piccolo borgo e ospita oggi il Museo Civico, che raccoglier materiale archeologico, dal Paleolitico al Medioevo, e naturalistico (fossili, minerali e un bell’orto botanico con piante soprattutto grasse di notevole valore). Dall’antistante Piazza Castello si gode uno splendido panorama della Riviera dei Ciclopi, che per la sua costa particolare è molto più frequentata rispetto alle spiagge sabbiose a sud di Catania.

Poco più a nord si trova Aci Trezza, il villaggio di pescatori dove Giovanni Verga ambientò I Malavoglia e Luchino Visconti, ispirandosi al romanzo, girò con la sua troupe e con la preziosa collaborazione degli abitanti del paese il capolavoro del neorealismo italiano La terra trema.

Acireale era conosciuta già in epoca romana come centro termale e le sue terme sono ancora in uso e frequentate da un certo numero di visitatori abituali. Fu distrutta dal terremoto del 1693, in seguito al quale venne costruita così come la vediamo oggi, con magnifici edifici in stile barocco e una bella piazza centrale che la rendono una meta interessante anche da inserire in un percorso alla ricerca del barocco siciliano meno conosciuto, rispetto a quello del Val di Noto, ma dal patrimonio architettonico ugualmente considerevole.

Il paese sorge adesso proprio sulla colata lavica che distrusse la città alla fine del XVII sec., in una terrazza naturale a picco sul mare fittamente coltivata a limoni. Dal giardino pubblico di Villa Belvedere, all’estremità nord del paese, si ha la migliore vista del paese sulla Riviera e sull’Etna. Il Duomo è un bell’edificio barocco che ha la particolarità di avere due guglie rivestite di piastrelle i ceramica e una bella facciata goticheggiante. Nella stessa piazza si trovano il Palazzo Comunale, mentre in Piazza San Domenico si trova Palazzo Musumeci, altro bell’esempio di barocco siciliano. Acireale è conosciuta per il suo grandioso carnevale, una delle feste più belle in Sicilia; inoltre è uno dei pochi luoghi in cui è ancora vivo il tradizionale teatro dei pupi.

Da Acireale una bellissima passeggiata è quella che porta a Santa Maria La Scala. Da Acireale si imbocca, attraversando la strada statale, la stradina di campagna conosciuta come “Le Chiazzette”, che in circa 2 chilometri porta al mare fra magnifici panorami: Santa Maria La Scala è un piccolo villaggio sorto intorno al porticciolo di pescatori, pieno di barche da pesca coloratissime, alle pendici del terrazzamento lavico chiamato “La Timpa”. La vegetazione rigogliosa della Timpa contorna il paese e la sua spiaggia di rocce nere laviche. A Santa Maria si può arrivare anche in auto, ma il sentiero è molto più bello.

Museo civico del Castello di Aci Castello
  • Piazza Castello
  • Aperto tutti i giorni tranne il lunedì
  • Per informazioni: Tel.: 095 27 10 26
  • Come raggiungere Aci Castello:
  • http://www.comune.acicastello.ct-egov.it/informazioni/orari-autolinee-ast/
Terme di Acireale
  • Via delle Terme, 47 – Acireale
  • Aperte tutto l’anno.
  • Per informazioni e prenotazioni
  • Numero verde: 800 37 85 60
  • Tel.: 095 76 86 111 / 095 60 15 08 / 095 60 12 50
  • Fax: 095 60 64 68
  • Web: http://www.terme-acireale.com/
Teatro Museo dell’Opera dei Pupi
  • Via Nazionale, 195 – Acireale
  • Orario estivo:
  • Mer., sab., dom.: 09:00-12:00; 18:00-21:00
  • Orario invernale:
  • Mer., sab., dom.: 09:00-12:00; 15:00-18:00
  • Aperto tutto l’anno
  • Biglietti: Ingresso Libero
Si organizzano su prenotazione visite guidate, dimostrazione di manovra, incontri con il puparo, approfondimenti storici.

Hotel Consigliati

Il Principe Hotel Catania

Il Principe Hotel CataniaCircondato dall'architettura barocca del centro storico di Catania, il Principe Hotel sorge sulla Scalinata Alessi, tra Via Etnea e Via Crociferi, e o [...]

Catania City Center B&B

Catania City Center B&BDotato della connessione Wi-Fi gratuita e di sistemazioni climatizzate, il B&B City Center sorge proprio nel cuore di Catania, a 10 minuti a piedi dal [...]

Hotel Catania Town

Hotel Catania TownUbicato nella zona del mercato giornaliero della città, a soli 150 metri da Via Etnea, l'Hotel Catania Town offre la connessione Wi-Fi gratuita nell' [...]

Stesicorea Palace

Stesicorea PalaceLo Stesicorea Palace Hotel si trova a Piazza Stesicoro, nel cuore del centro storico di Catania, all'interno di un elegante maniero del XIX secolo. U [...]

Best Western Hotel Mediterraneo

Best Western Hotel MediterraneoSituato nel cuore della barocca Catania, a 10 minuti a piedi da Via Etnea, il Best Western Hotel Mediterraneo offre camere con connessione Wi-Fi gratu [...]

Hotel Villa Mater

Hotel Villa MaterSituato a 10 minuti di auto dal centro di Catania e a 4 km dall'autostrada A18, l'Hotel Villa Mater vanta una terrazza con vista panoramica sulla citt [...]

Four Rooms

Four RoomsSituato nel centro di Catania, all'angolo di Via Etnea, il Four Rooms è una struttura risalente agli anni '70, che offre la connessione Wi-Fi gratuit [...]